GDF Suez, ultimo passo prima della fusione per il nuovo gigante dell’energia GDF

Dopo ventinove mesi di colpi di scena, la telenovela della fusione tra Gaz de Francia e Suez sta arrivando alla fine. I due gruppi si incontrano oggi nelle loro rispettive assemblee generali per confermare la loro fusione. Quest’ultimo dà vita a un nuovo peso massimo del panorama energetico europeo, la cui capitalizzazione di mercato si avvicinerà ai 90 miliardi di euro.

Ottocentosettantatre giorni. Quasi due anni e mezzo. Questo è il tempo necessario a Suez e Gaz de France per finalizzare la loro fusione e creare un nuovo peso massimo europeo dell’energia.

Alla fine di questa maratona di tentativi, i due gruppi sono ormai sicuri di raccogliere, oggi, l’assenso delle loro rispettive assemblee generali. Per Suez, questo sarà fatto questa mattina. Per la GDF, a metà pomeriggio. Rimarranno allora solo alcune “formalità”.

Domani, il decreto di privatizzazione di Gaz de France sarà pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale” e, nei prossimi giorni, i team di gestione prenderanno gradualmente possesso dei loro nuovi uffici, nel quartiere del Parc Monceau, a Parigi.

Secondo il piano svelato a settembre, la fusione darà luogo a due operazioni concomitanti: parallelamente alla fusione stessa, che sarà limitata alle attività energetiche dei due gruppi e si concretizzerà in uno scambio di azioni (22 azioni Suez danno diritto a 21 azioni GDF), Suez si prepara a quotare in borsa il 65% delle sue attività di gestione delle acque e dei rifiuti. Il nuovo gruppo e la sua filiale Suez Environnement faranno i loro primi passi in borsa lo stesso giorno, martedì 22 luglio.

Domande delicate

Si tratta di passi da gigante per la casa madre, che salirà immediatamente al 2° o 3° posto nell’indice CAC 40, con una capitalizzazione di mercato vicina ai 90 miliardi di euro. Anche senza la sua divisione ambientale, il gruppo che sta prendendo forma rivaleggia con gli altri due leader europei del settore, la tedesca E.ON e la francese EDF.

Nel gas e nell’elettricità, tutti e tre pesano ormai tra i 60 e i 70 miliardi di fatturato. Il divario sta quindi aumentando con giocatori come RWE, Iberdrola ed Enel, che sono anche pesi massimi nel panorama energetico europeo.

Alcune domnde delicate attendono il nuovo gruppo: il nucleare è una di queste. Dopo la decisione di principio di costruire un secondo reattore EPR sul territorio francese, l’amministratore delegato di Suez ha fatto sapere che è pronto ad essere coinvolto in questo progetto e che una decisione in tal senso potrebbe essere presa all’inizio del 2009. Molto rapidamente, Gérard Mestrallet dovrebbe in particolare avere la possibilità di mettere alla prova lo Stato, suo primo azionista (35,6%), sulla delicata questione delle tariffe del gas. Un argomento scottante che Jean-François Cirelli, il capo della GDF, non dovrebbe essere dispiaciuto di lasciarlo.

Se il governo non voleva vedere evolvere i prezzi del gas in luglio, l’impennata dei costi di fornitura della GDF infatti lascia chiaramente prevedere un nuovo aumento delle tariffe al rientro. Un aumento che sarà difficile da spiegare alle famiglie francesi, la cui bolletta è già aumentata di quasi il 10% dall’inizio del 2008. Soprattutto se coincide con la distribuzione del dividendo eccezionale annunciato ieri. Questo piccolo bonus offerto agli azionisti di GDF Suez da solo porterà il gruppo a versare non meno di 1,8 miliardi di euro prima della fine dell’anno.

Crisi finanziaria: un momento di rinnovamento economico
La Russia è in grado di soddisfare le esigenze mondiali in termini di energia