Per un’evigilanza repubblicana

Riportiamo di seguito un appello, pubblicato su Marianne, firmato da diciassette personalità della destra, del centro, dell’ecologia e della sinistra repubblicana. Una situazione eccezionale richiede una riunione senza precedenti…

Strane cose stanno accadendo nella nostra Repubblica. L’attuale presidente aveva promesso una rottura con il passato. C’è una pausa, ma non solo come è stato annunciato.

Un governo emarginato, il cui lavoro è stato pre-masticato dai consiglieri del Principe. Rottura.

Un presidente che sembra disertare la funzione, parlando alternativamente da credente o da laico. Rottura.

Un presidente che vuole mettere la politica nei numeri, come se si trattasse di vendere piselli. Una pausa.

Un presidente che intende guidare le sue squadre come un gestore di un ipermercato, distribuendo punti ottimi e cattivi, bonus o sanzioni. Una pausa.

Un presidente che rimane il leader di un partito e il cui dominio riservato è più il municipio di Neuilly che la politica di difesa. Una pausa.

Un presidente che pretende di sostituire il tradizionale contraddittorio tra maggioranza e opposizione con una messa in scena delle differenze tra i suoi cortigiani e i suoi ministri. Una pausa.

Un presidente che dice che deve essere felice per governare il paese. Rottura.

Un presidente che annulla i suoi appuntamenti serali e mattutini per vivere appieno il suo matrimonio. Rottura.

La lista è lunga delle sorprendenti innovazioni che, volontariamente o involontariamente, Nicolas Sarkozy ha introdotto nella politica presidenziale. Questo nuovo corso suscita quindi preoccupazione, persino ansia. È questa ansia, che probabilmente aumenterà nelle settimane e nei mesi a venire, che si riflette nell’appello repubblicano di diciassette politici che riproduciamo qui sotto. Non dobbiamo sbagliarci sul suo significato: se figure politiche di primo piano abituate da anni a confrontarsi sulla scena pubblica corrono il rischio di firmare lo stesso testo pochi giorni prima di un ballottaggio che il presidente ha annunciato sarà politico, se questo appello è stato firmato da diversi politici della destra repubblicana, è perché il contesto politico creato da otto mesi di Sarkozysm è totalmente inedito.

Da leggere. Per meditare.

Prima di recitare?

—————-

Per una vigilanza repubblicana

I sottoscritti affermano di provenire da ambienti molto diversi, e hanno posizioni molto diverse su una serie di questioni importanti, ma condividono comunque una serie di convinzioni e valori che intendono riaffermare.

– Il loro attaccamento al principio repubblicano e, di conseguenza, il loro rifiuto di qualsiasi deriva verso una forma di potere puramente personale al limite della monarchia elettiva.

– Il loro attaccamento ai fondamenti di una laicità ferma e tollerante, garanzia di pace civile.

– Il loro attaccamento all’indipendenza della stampa e al pluralismo dell’informazione.

– Il loro attaccamento alle grandi opzioni che hanno guidato, negli ultimi cinquant’anni, al di là delle divisioni partitiche, una politica estera dignitosa, impegnata nella difesa dei diritti dei popoli e preoccupata di preservare l’indipendenza nazionale e di costruire un’Europa capace di affrontare le sfide del XXI secolo.

Al di là delle loro differenze, i sottoscritti desiderano ricordare il loro impegno a difendere, separatamente o insieme, questi imperativi, come è sempre stato fatto nel corso della storia della Repubblica.

Pierre Lefranc, ex capo di stato maggiore del generale de Gaulle

Dominique de Villepin, ex primo ministro

Ségolène Royal, ex ministro, presidente della regione Poitou-Charentes

François Bayrou, ex ministro, deputato dei Pyrénées-Atmantiques

Jean-Pierre Chevènement, ex ministro

Corinne Lepage, ex ministro

Nicolas Dupont-AIgnan, deputato di Essonne

Bertrand Delanoë, sindaco di Parigi

Maurice Leroy, deputato di Loir-et-Cher

Nöel Mamère, deputato della Gironda

Jean-Christophe Lagarde, deputato di Seine-Saint-Denis

Marielle de Sarnez, consigliera di Parigi

André Gérin, deputato del Rodano

Arnaud Montebourg, deputato di Saône-et-Loire

Jacqueline Gourault, senatrice di Loir-et-Cher

Jean-Pierre Brard, deputato di Seine-Saint-Denis

Jean-Paul Bled, presidente dei Cerchi universitairie di studi e di ricerca gauliennes

Dalai Lama: l’avvertimento di Pechino a Sarkozy
Medevdev e Brown diventano nemici dichiarati